Broken links: perché è importante evitarli per il SEO

Claudia Baruzzi 0
Print Friendly, PDF & Email

broken link

Non sempre chi clicca… trova!

Vi è mai capitato di cliccare su un link e vedervi comparire un messaggio di errore del tipo file not found (file non trovato)? Come vi sentite? Beh, di certo non molto ben disposti verso quel sito…
Sicuramente questo è uno dei modi più veloci per perdere visitatori ma anche posizioni nei motori di ricerca! I broken links sono molto importanti per il SEO.

Link interni e link esterni vanno sempre verificati

Nel post Come ottimizzare una pagina web per i motori di ricerca vi ho parlato dell’importanza, quando si scrive un articolo, di utilizzare le parole chiave e  quei piccoli accorgimenti che aiutano a migliorare il posizionamento sui motori di ricerca per ricevere maggior traffico sul proprio sito.

Ma per essere ben indicizzato, un sito deve avere anche una buona struttura interna: una struttura ‘invisibile’ ai lettori ma ‘visibile’ ai motori di ricerca come possono essere la site map (la mappa del sito) e i link che all’interno di un post  rimandano ad un altro articolo di argomento affine, sempre all’interno del blog/sito (link interni) oppure a pagine di siti esterni (link esterni).

OOOPPPSSS… un broken link

A volte succede che, per qualche motivo, questi link rimandino a pagine di errore del tipo:

HTTP CODE 403 – FORBIDDEN (Vietato)
Il browser si è collegato al server, ma non ha avuto il permesso di visionare la pagina richiesta.

HTTP CODE 404 – NOT FOUND (Non trovato)
Il browser si è collegato al server, ma il server non ha potuto trovare la pagina richiesta. Questo errore si verifica di solito quando la pagina richiesta è stata spostata o cancellata.

HTTP CODE 406 – NON ACCEPTABLE (Non accettabile)
Questo errore si verifica molto di rado nei browser del Web in quanto la maggior parte dei browser accetta qualsiasi dato di ritorno da un server Web. Dovesse verificarsi, l’unica cosa che si può fare  è riportare il problema al supporto tecnico della ditta che ha sviluppato il sistema.

HTTP CODE 500 – INTERNAL SERVER ERROR (Errore interno al server)
Il browser si è collegato al server, ma il server ha incontrato un errore inatteso. Questo spesso indica un problema del server, non causato necessariamente dal vostro sito web.

Perché è importante controllare i broken link?

Per una serie di motivi, tutti importanti:

  • si può perdere una base clienti esistente (utenti abituali prima o poi si sentono frustrati dal non trovare quello che cercano e non tornano più)
  • si possono avere problemi nell’acquisire nuovi clienti che a causa dei link ‘interrotti’ non si sentono attratti dal vostro sito
  • la vostra reputazione online può essere danneggiata (la maggior parte degli utenti/clienti online considerano i link ‘morti’  come una dimostrazione di mancanza di rispetto nei loro confronti da parte del gestore del sito)
  • inevitabile l’impatto negativo sul posizionamento del vostro sito nei maggiori motori di ricerca come Google, Yahoo, Bing, ecc.

Da cosa sono causati i link ‘interrotti’?

link interrottiCon la crescita dei contenuti di un sito web diventa sempre più difficile  tenere traccia dei collegamenti ipertestuali fra gli articoli. Purtroppo non ci sono  strumenti perfetti che possano validare la  corretta relazione tra le pagine, tenendo automaticamente traccia dei cambiamenti (ad es. se cambiamo un titolo di pagina non si ha subito l’aggiornamento del relativo URL).

Con il tempo questo fa sì che alcuni collegamenti ipertestuali diventino obsoleti, interrotti, ‘morti’ perché non portano più a pagine valide  e sul web gli utenti visualizzano codici di risposta 404 (errore pagina non  trovata) o un altro dei codici segnalati sopra.

I moderni sistemi di gestione dei contenuti (come Joomla) e il software del blog possono aggravare il problema replicando i link ‘morti’ in numerose pagine web  generate dinamicamente, così i lettori riscontrano  sempre più frequentemente gli
errori 404.

Questo capita non solo per i  link interni ma anche per quelli esterni e qui la situazione è ancora peggiore: il sito a cui ci si collega può cambiare nome dell’articolo o la sua posizione in qualsiasi momento senza alcun preavviso . I server esterni possono essere in manutenzione, ci posso essere domini scaduti o che sono stati venduti. Purtroppo su questo non si ha alcun controllo per cui l’unico buon rimedio è eseguire dei test di validità in modo regolare per verificare che ogni singolo link in uscita sia attivo.

Per effettuare questo controllo si può utilizzare un semplice strumento online reperibile sul sito http://www.brokenlinkcheck.com

Cosa fa Online Broken Link Checker?

Ripristinare i broken linkOltre ad individuare il link ‘morto’ in uscita, l’Online Broken Link Checker permette di ripristinare il link corretto, di reindirizzarlo ad un’altra pagina esistente oppure di rimuoverlo del tutto.  

Per far questo c’è bisogno di conoscere l’esatta posizione del tag del link rotto nel codice HTML, ovvero  trovare l’esatto HREF  all’origine del problema.

Il Checker qui è veramente notevole: infatti controlla l’intero sito scansionado tutte le pagine alla ricerca di questi problemi, rileva i link non validi e indica esattamente dove trovarli!
Per ogni link problematico trovato (sia interno che in uscita) compare una schermata che contiene la sorgente della pagina e mette in evidenza il tag HTML che contiene l’URL morto, in modo che possiate toglierlo o correggerlo subito.

Questo strumento può essere utilizzato su qualsiasi computer: iMac , PC , MacBook , notebook / laptop, iPad ed anche iPhone, quindi nessun problema!

Come procedere per la scansione del vostro sito

Una volta su http://www.brokenlinkcheck.com basta inserire l’indirizzo del proprio sito nel campo bianco.
Fate attenzione! Se il vostro sito (come il mio!) non ha www.  allora occorre cancellarlo dal campo.
(Per una migliore visualizzazione delle immagini, ingranditele con lo zoom!)

controllo broken link

Una volta effettuata la scansione, vedrete comparire questa schermata…

controllo sito per link morti

Evviva… il mio sito non ha link ‘morti’    Smile

La prima volta che capiterà ai prossimi controlli, aggiungo le schermate dei successivi passaggi oppure…
se qualcuno di voi effettua il controllo e il ripristino di qualche link, potrebbe mandarmi le schermate, così le inserisco qui.
La collaborazione è molto apprezzata e ringrazio anticipatamente!

Consiglio: se scrivete almeno 2-3 articoli alla settimana, è bene rifare la scansione del  sito su Online Broken Link Checker  ogni fine settimana per mantenerlo sempre efficiente!

 N.B.  Se utilizzate WordPress, potete anche scaricare il plugin Broken Links Checker!

Se avete trovato utile “Broken links: perché è importante evitarli per il SEO”, aiutatemi a condividerlo sul social media che più vi piace. E non dimenticate di lasciarmi un commento qui sotto con domande, idee, pensieri e opinioni. Grazie!

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE