Perché ci sono link evidenziati in rosso?

Claudia Baruzzi 0
Print Friendly, PDF & Email

PROBLEMA

Un bel giorno, volendo entrare nel mio sito, mi sono ritrovata di fronte a questa immagine di login ‘vestito a festa’… e proprio del mio colore preferito! 🙂 

L'accesso al sito si presentava così...

L’accesso al sito si presentava così…

Poi, spostandomi su altri siti, si riprensentavano sempre quelle parti evidenziate in rosso, che poi ho verificato essere sempre in corrispondenza di link. Ed anche in Facebook, stessi link in rosso…

 

Allora ho utilizzato  Firebug, un’estensione di Mozilla Firefox, che permette il debug, la modifica e il monitoraggio di tutti gli aspetti di una pagina web, come i fogli di stile, il codice html e altro ancora.

 

link evidenziati in rosso

Firebug è utile per capire quale può essere l’origine di un problema

NOFOLLOW E DOFOLLOW

In corrispondenza della parte di testo selezionata sulla pagina Facebook, vedo che nel codice HTML  compare rel=”nofollow” :

Avevo sentito parlare di  rel=”nofollow” a proposito di SEO.  In pratica è il codice HTML che si utilizza per inserire un back link all’interno di un articolo, dove l’attributo nofollow dice allo spider di un motore di ricerca di “non seguire” quel link cioè di non rimbalzare sulla pagina a cui quel link fa riferimento.

In caso di  rel=”dofollow” si dice  allo spider di seguire quel link e quindi visitare la pagina linkata.

Chi si occupa di SEO capisce subito la differenza tra DoFollow e NoFollow ed i vantaggi che ne derivano in termini di posizionamento nei motori di ricerca ed indicizzazione.

Quando Google ha introdotto l’algoritmo Penguin alla fine di maggio 2013 per far piazza pulita di siti duplicati o di scambi selvaggi di link,  i webmaster si sono visti costretti ad attribuire a tutti i link presenti sul loro sito l’attributo “NOFOLLOW” per far capire al motore di ricerca che non si trattava di uno scambio forzato di link.

I motori di ricerca sono però perfettamente in grado di riconoscere se si tratta di link naturali o creati ad hoc: quindi anche in presenza dell’attributo nofollow il link in effetti può rimandare al sito di riferimento.

 

SOLUZIONE

Facendo una ricerca online, sono riuscita a trovare in un forum americano un post dove un utente chiedeva aiuto per lo stesso problema e gli veniva suggerito di controllare se avesse scaricato dei plugin per Firefox che evidenziassero i link nofollow.

Io non ricordavo di aver fatto niente del genere ma avevo tempo prima scaricato la toolbar di SEOBOOK  e vi avevo ‘giocato’ un po’ per capirne il funzionamento.

Ho riprovato a spingere i vari bottoni per vedere cosa succedesse fino a quando ho trovato il bottone ‘incriminato’.

evidenzia link nofollow

Tutta colpa della freccetta rossa!

Siccome mi trovavo in quel momento su di una pagina Facebook con dei link evidenziati in rosso, cliccando sulla freccetta nella barra del SEOBOOK, l’evidenziazione rossa sopra i link è scomparsa come per magia!

Ora cos’era potuto accadere perché venissero evidenziati in rosso quei link nofollow?

Che  giocando con i bottoni della SEOBOOK TOOLBAR dovevo aver cliccato su quella freccetta rossa con funzionalitò HIGHLIGHT NOFOLLOW LINK quando mi trovavo in una pagina dove di link non ce n’erano e quindi non avevo potuto rendermi subito conto della funzionalità di quel  bottone! Dopotutto, colpa solo del caso!

Se avete trovato l’articolo utile, aiutatemi a condividerlo sul social media che più vi piace. E non dimenticate di lasciarmi un commento qui sotto con domande, idee, pensieri e opinioni. Grazie!

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE