Come scrivere un articolo per un blog: 10 semplici ‘dritte’

Claudia Baruzzi 2
Print Friendly, PDF & Email

A chi serve questo articolo?

Come scrivere un articolo per un blog: 10 semplici dritteSe avete deciso di aprire un blog professionale perché avete un servizio oppure prodotti da offrire  (propri o in affiliazione), dovreste almeno avere un’idea di come scrivere un articolo per un blog e questo per poter partire subito con il piede giusto.

E se il blog lo avete avviato da tempo con scarsi risultati di traffico in arrivo, sicuramente ci saranno aspetti da prendere in considerazione e da migliorare come il layout, il contenuto degli stessi articoli o l’ottimizzazione delle parole chiave per una migliore indicizzazione nei motori di ricerca.

Ve lo dico perché, per esperienza diretta, so quanto è importante partire dai fondamentali e non andare alla cieca o come mi detta l’ispirazione del momento. Quindi cominciamo a scrivere…

1) Quale carattere scegliere?

come scrivere un articolo per un blog: 10 semplici trucchi

Tratto da: http://mestierediscrivere.com/articolo/font
(cliccare per ingrandire)

Ad esempio, questo mio articolo è scritto in Verdana, dimensione carattere: 14.

Anche Helvetica e Arial vanno bene; da evitare il Times New Roman – carattere della stampa – da sostituire  con il Georgia.  

Per i titoli, si può usare Impact oppure Arial Bold e come Heading: H1.
(N.B. I titoli dei post hanno già formattazione H1)

Per i sottotitoli, ho mantenuto sempre Verdana, con dimensione carattere 5 (18 pt) e ho aggiunto Heading: H2.

Daniel Will-Harris, grande esperto di font per il Web diceva che non esistono font belli e brutti, ma solo font adatti. Quindi non usate a ogni costo il font di cui vi siete innamorati, usatelo solo se adatto per il vostro testo e i vostri obiettivi

2) Come rivolgersi ai propri lettori?

TU  o   VOI ? Questo è un aspetto interessante da valutare in fase di progettazione del blog proprio perché poi, per coerenza, va mantenuto in ogni articolo che si scrive.

Per quanto mi riguarda, dopo averci pensato bene ho deciso di scegliere il VOI, primo perché il TU non mi viene naturale e poi perché mi rivolgo a un gruppo di lettori, anche se a leggermi sarà un singolo davanti a uno schermo.

Girando nei vari blog, ho notato che ‘dare del TU‘ è una scelta che va molto di moda ultimamente, ma devo ammettere che mi fa sentire a disagio quando la incontro: mi pare un tantino aggressiva. E’ quando il discorso si fa più confidenziale, ad esempio nella messaggistica privata, che poi viene naturale passare al TU.

3) E adesso cosa scrivo… un contenuto di qualità, ovviamente!

Come scrivere un articolo per un blog: 10 semplici dritteQuando si leggono articoli online su cosa sia importante scrivere in un blog professionale si sottolinea il fatto che il contenuto deve essere di qualità e deve coinvolgere le persone, creare interazione.

Quindi la domanda che sorge spontanea è: come si crea un contenuto di qualità?

La prima cosa che viene in mente è che debba essere nuovo, originale ma… con tutto quello che c’è sulla rete ci sarà certamente qualcuno che ha affrontato il mio stesso argomento, magari molto meglio di quanto stia facendo io ora… allora?

Leggendo qua e là sull’argomento, ho potuto cogliere i 3 elementi fondamentali perché un contenuto possa dirsi “di qualità”:

Deve essere utile…

Deve risolvere un qualche tipo di problema del lettore. E’ quindi bene evidenziare nel titolo “Come….” fare qualcosa per risolvere un determinato problema.

Deve essere chiaro…

Il contenuto deve essere chiaro e diretto e non solo dal punto di vista del soggetto che si sta trattando, ma proprio a livello di “colpo d’occhio”.

Deve iniziare dall’informazione più importante così i lettori sanno già se vale la pena di leggere l’articolo.

Arma a doppio taglio? No, è sicuramente meglio che non leggerlo affatto o leggerlo tutto per rendersi conto alla fine di non aver trovato niente di inutile!
Almeno questa è la mia opinione.

4) Quanto deve essere lungo un articolo?

Ci possono essere articoli più o meno lunghi, dipende ovviamente dall’argomento che si vuole trattare.

·     – Articoli  di 400-500 parole (riguardano 1 argomento e hanno una struttura molto semplice, con 1-2-3 paragrafi

–  Articoli più strutturati (come questo che state leggendo). In questo caso è buona norma che i  contenuti abbiano delle intestazioni a scalare con dei sottotitoli marcati con i giusti tag.

Titolo:   H1

 Sottotitolo:      H2     

 paragrafo:      testo in Verdana 14 (come in questo articolo!)

·      – Se l’argomento richiede una trattazione di una certa lunghezza, allora è bene dividerlo in più post, con link interni. E’ anche un modo per far sì che le persone ritornino per saperne di più.

5) Perché dividere un articolo in paragrafi?

Perché il lettore coglie immediatamente i blocchi di informazione.

Ogni paragrafo è bene abbia un proprio titolo (il perché è spiegato alla domanda successiva!).
Preferite paragrafi semplici e di tanto in tanto usate anche paragrafi di una frase sola, che attirano di più l’attenzione.

Come scrivere un articolo per un blog: 10 semplici dritteSe lo desiderate, potete formattare il paragrafo scegliendo ‘giustificato’. In questo modo tutti i margini di destra del testo saranno allineati (come potete vedere in questo articolo).

6) Perché ogni paragrafo deve avere un suo titolo (chiamato: sottotitolo)?

E’ utile scrivere prima il titolo e poi i sottotitoli. A proposito del titolo dell’articolo,
sfruttate il potere dei numeri. Servono ad attirare l’attenzione e a tenere il lettore orientato su quali punti si andranno a coprire.

Ogni punto verrà trattato in un paragrafo specifico e la funzione del  sottotitolo è proprio quello di mettere in evidenza il contenuto del paragrafo stesso.

I paragrafi devono essere informativi e coinvolgenti ma senza esagerare.

Una volta terminato l’articolo, leggete i sottotitoli e chiedetevi se il lettore capisce da lì ciò di cui tratta l’articolo, per quale motivo dovrebbero leggere l’articolo e se risponde alle loro esigenze.

7) Il bello delle liste puntate…

Come scrivere un articolo per un blog: 10 semplici dritte

Utilizzate dove possibile le liste puntate perché:

•            sono attraenti per l’occhio
•            mettono in risalto ciò che è importante
•            si distinguono dal resto del testo.

8) Perché è importante formattare il testo?

 Il testo va formattato (grassetto, corsivo, colore carattere, evidenziato, ecc.). Ad esempio, scrivendo i concetti importanti usando il grassetto fate in modo che il lettore possa cogliere in un’occhiata l’informazione più importante del paragrafo.

Preferite evidenziare? Scegliete cosa evidenziare ma non evidenziate tutto… sarebbe come non mettere in evidenza niente!

Una volta formattato il testo per quanto riguarda i sottotitoli,  le liste puntate, il grassetto e l’evidenziato (ma ricordate che non ci devono essere necessariamente tutti questi tipi di formattazione!), rileggete l’articolo concentrandovi solamente sul testo su cui avete voluto richiamare l’attenzione.

Il lettore coglie il “succo dell’articolo”? Avete messo in evidenza le parole più interessanti e rilevanti (magari le parole chiave che servono anche ad indicizzare l’articolo? – a questo scopo non perderti il prossimo post: Come ottimizzare il traffico  sul proprio articolo).

 9) Come usare le immagini in un articolo?

Le immagini, ovviamente, devono essere relative al contenuto dell’articolo in generale. Se inserite un’immagine in un paragrafo, deve ovviamente essere attinente al contenuto del paragrafo stesso. 

C’è chi consiglia di usare le didascalie  (= testo sotto l’immagine, anche di due o tre frasi) perché possono indurre il lettore a leggere l’articolo.

10) Devo inserire dei link nell’articolo?

Come scrivere un articolo per un blog: 10 semplici dritte
E’ sicuramente importante per creare movimento all’interno del sito ma anche verso l’esterno.

Ci sono due tipi di link da includere nei post:
link interni e link esterni.

 

  1. I link interni: sono importanti perché con il passar del tempo accade che gli articoli più datati si perdano di vista. Creare link interni aiuta a richiamarli più spesso all’attenzione.
  2. I link esterni: dimostrano che si è fatta una ricerca sull’argomento e che si sono consultati altri esperti. Lo scopo di un buon contenuto è sia di aumentare la conoscenza del lettore ma anche di aggiungere valore all’argomento trattato.

 

Come scrivere un articolo per un blog: 10 semplici dritte

Riguardate gli articoli che avete scritto e come potrebbero essere migliorati.
Per quelli nuovi, cercate di mettere in pratica queste indicazioni.

Prendete spunto da questo articolo: dove e come sono state applicate le 10 ‘dritte’?

Non vi sentite dei grandi scrittori? Beh, Practice makes perfect! (la pratica rende perfetti) quindi … scrivere, scrivere, scrivere. 😀

*
*

Se avete trovato l’articolo utile, aiutatemi a condividerlo sul social media che più vi piace. E non dimenticate di lasciarmi un commento qui sotto con domande, idee, pensieri e opinioni. Grazie!

 

  • Davvero molto interessante questo articolo. E ben scritto.
    Grazie per le dritte 🙂

    Artemiss

    • Grazie per aver lasciato il tuo commento… sono contenta che l’articolo ti sia stato utile!

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE